La coppia: tra passione, paure, litigi e interruzioni

“Se ciò che io dico risuona in te, è semplicemente perché siamo entrambi rami di uno stesso albero”.

William Butler Yeats (1865-1939)

Dopo essersi guardati, sfiorati e incuriositi l’uno all’altra, inizia la così detta fase dell’innamoramento quando tutto dell’altro ci colpisce, è una fase ricca di momenti eccitanti, unici e sorprendenti. Tutto è una scoperta, insieme. La passione acquista un ruolo predominante all’interno della coppia. Ma con il passare del tempo, i due si accorgono che la passione tende ad affievolirsi e a lasciare il posto alla routine, come se questo rappresentasse una consuetudine ovvia, per cui tutto a un certo punto deve finire. I due partner sentono che conoscono già tutto dell’altro e in alcuni casi scelgono di lasciarsi (l’amore finisce, le incomprensioni, le scelte di vita differenti, i tradimenti…) oppure in altri di continuare a stare insieme per i figli, per comodità o per interessi economici. Le coppie che si trovano a vivere queste situazioni hanno l’errata convinzione che a un certo punto, dopo aver condiviso tanti anni insieme, non ci sia più niente da scoprire l’uno dell’altra e che la coppia non ha niente di vitale e creativo da offrire.

La coppia e l’equivoco della conoscenza

Spesso e volentieri la coppia è di fronte a quello che viene definito: equivoco della conoscenza reciproca, in cui si pensa di conoscere l’altro, in tutti i suoi aspetti, così che il partner perde il mistero e diventa il solito, familiare, conosciuto e allo stesso tempo un po’ estraneo. Ne segue che l’attrazione e la stima per lui diminuiscano e si sostituisca l’idea fatalistica e non realistica secondo cui in amore le cose vanno a finire così. In realtà, questa totale conoscenza dell’altro all’interno della coppia è presunta, parziale e inquinata da pregiudizi, paure e modelli di riferimento preesistenti.

In molti casi si tratta solo di superare il primo livello di conoscenza, superato il quale si può scoprire, insieme, un mondo nuovo.

Se alla base l’amore dell’uno verso l’altra è ancora presente, l’amore e quindi la relazione possono rinnovarsi e scoprirsi ancora. Alla base però vi deve essere l’idea di scoprire cosa ha portato la coppia a un’interruzione, a un ripensamento, a una mancanza spesso legata a bisogni non soddisfatti dell’uno verso l’altra. Il primo step ci permette così di aprire il passaggio al livello successivo, fornendo al rapporto nuovi scenari in cui sperimentarsi e rinnovarsi.

Con questa consapevolezza, a cui i partner sono giunti, è possibile aprirsi, con occhi nuovi, a nuovi scenari quali, viaggi, progetti, contesti e attività.

Alla base vi può essere questo dogma:

possiamo innamoraci innumerevoli volte della stessa persona, solo se ce lo concediamo.

(Fonte: Istituto Riza di Medicina Psicosomatica)

ultima modifica: 2015-03-01T20:51:58+00:00 da Romina